Previous Next

TORNA AUT AUT FESTIVAL. AUTORI, EVENTI E CULTURA IN MOLISE

La Cultura non si ferma, non si è mai fermata ma l'Aut Aut Festival che nasce per valorizzare gli autori e il territorio molisano ha preferito attendere che si potesse tornare agli eventi dal vivo.

E così, dopo una lunga ricerca delle location più adatte al rispetto dei parametri di sicurezza ed in collaborazione con le amministrazioni comunali che, nonostante le difficoltà hanno scelto di dare spazio alla Cultura, possiamo finalmente ripartire!

Saranno tanti gli autori e gli eventi che proporremo al nostro pubblico ma li sveleremo un po' per volta.

Naturalmente (e purtroppo) saranno sempre a numero limitato ma per dare modo a più persone di poterne godere, aumenteremo le date.

Saranno tante le location che ospiteranno gli eventi e, come sempre, saranno scorci bellissimi e spesso sconosciuti del Molise.

"Non possiamo che essere felici di tornare al pubblico - spiega la giornalista e curatrice dell'Aut Aut Festival Valentina Fauzia - non avrebbe avuto senso per noi fare un festival solo in streaming tenendo conto che la mission dell'Aut Aut è quella di promuovere il territorio e le sue bellezze attraverso gli incontri con gli autori. Ripartiamo con due autori straordinari ed un libro che sta già appassionando migliaia di lettori in tutta Italia 'Sarah. La ragazza di Avetrana' edito da una delle più grandi case editrici italiane, Fandango. Ancora una volta l'Aut Aut Festival è sui circuiti nazionali ed è capace di promuovere il Molise come luogo di bellezza e cultura. Sarà una stagione straordinaria, ricca di eventi e di temi che vanno dalla cronaca alla politica, dalla narrativa alla saggistica e non mancheranno le sorprese che sveleremo un po' per volta perché, oggi più che mai, occorre cautela e prudenza. Siamo stati isolati e spaventati a lungo ma 'la cultura è la cura' anche per guardare al futuro con consapevolezza ed ottimismo".

Si inizia sabato 12 settembre alle ore 20.00 nello straordinario cortile del Palazzo Ducale di Larino con la presentazione del libro 'Sarah. La ragazza di Avetrana' edito dalla casa editrice Fandango.

I due autori protagonisti dell'evento sono Flavia Piccinni e Carmine Gazzanni.

Flavia Piccinni (Taranto, 1986) Ha pubblicato tre romanzi e un reportage sulla ’ndrangheta. Coordinatrice editoriale della casa editrice (Taranto, 1986) ha pubblicato tre romanzi e un reportage sulla ’ndrangheta. Coordinatrice editoriale della casa editrice Atlantide, è parte della redazione di Nuovi Argomenti. Autrice di documentari per Rai1 e Radio3 Rai, scrive su diversi giornali. La sua inchiesta Bellissime (Fandango, 2017) ha suggerito una proposta di legge, ha ispirato l’omonimo film documentario ed è stato insignito di numerosi riconoscimenti, fra cui il Premio Croce.

Carmine Gazzanni (Isernia, 1989) giornalista, scrive per La Notizia, Panorama, Donna Moderna. In passato ha collaborato con Presa Diretta (Rai3), L’Espresso, Left e Narcomafie. Attualmente lavora a Rai1. Dalle sue inchieste sono nate svariate interrogazioni parlamentari. Ha vinto, fra l’altro, il Premio Pietro di Donato.

I due autori hanno firmato insieme Nella Setta (Fandango, 2018), premiato con significativi riconoscimenti, fra cui il Premio Mattarella Giornalismo e il Premio Europeo Giornalismo Investigativo. Il libro ha suggerito due proposte di legge, ed è attualmente in corso una trasposizione televisiva.

Il libro si inserisce nell'ambito della grande narrativa non fiction internazionale ed è il racconto emozionante di uno dei più tragici casi della cronaca nera italiana che lo scorso 26 agosto ha compiuto 10 anni. 
"In Salento, una giovane scompare. È una ragazza bionda, silenziosa, misteriosa. Si chiama Sarah Scazzi. L’Italia intera rimane sconvolta: cosa può essere successo a una quindicenne dall’aria così innocente? Molte saranno le ipotesi che si alterneranno durante i quarantadue giorni di ricerca. Ipotesi che sveleranno intimi segreti e rancori taciuti, arrivando a costruire un incredibile reality show dell’orrore e del grottesco in salsa pugliese. Avetrana, il paese dove tutto si svolge, ne sarà l’inaspettato set a cielo aperto.

Le indagini porteranno prima alla confessione dello zio della ragazza, Michele Misseri, e quindi alla condanna all’ergastolo della zia e della cugina di Sarah, Cosima Serrano e Sabrina Misseri, che negli anni hanno continuato a dichiararsi innocenti.

Eppure, come rivelano i due autori, la tragicommedia salentina – divenuta il primo processo mediatico del nostro paese – nonostante confessioni e condanne non può ancora dirsi risolta.

Nel segno di A sangue freddo di Truman Capote e de L’avversario di Emmanuel Carrère, Sarah è un romanzo verità ambizioso e spietato, dallo stile insieme lirico e tagliente, che alla precisa ricostruzione di ciò che è accaduto – e, piuttosto, di ciò che è stato deliberatamente taciuto – unisce una riflessione sul male e sulla sua spettacolarizzazione, sulle conseguenze delle proprie azioni e su quanto siamo disposti a sacrificare per le persone che amiamo".

 

 


Stampa   Email

Related Articles